Vai al contenuto principale

Statuto Titolo II

SOCI

Articolo 6

Per l'iscrizione alla Confartigianato Novara V.C.O. gli interessati debbono inoltrare domanda di ammissione indicante le generalità (nome, cognome, data e luogo di nascita), la residenza, l'attività esercitata, l'ubicazione dell'azienda, il numero dei dipendenti e dei familiari coadiuvanti. La domanda deve contenere la dichiarazione di accettazione delle norme del presente Statuto, e l'impegno di pagare tutti i contributi che verranno deliberati a norma dello Statuto stesso.

Articolo 7

L'iscrizione impegna il socio a tutti gli effetti statutari. Essa vale per un anno solare e si intende tacitamente rinnovata per uguale tempo, per i periodi successivi, se non sia stato presentato dal socio, con lettera raccomandata, formale atto di dimissioni almeno tre mesi prima della scadenza dell'anno in corso. Nei confronti degli inadempienti si procederà a norma di legge.
La qualità di associato, così come gli obblighi contributivi ad essa collegati, non sono trasferibili a terzi.

Articolo 8

Dell'ammissione alla Confartigianato Novara Verbano Cusio Ossola decide la Giunta Amministrativa, sentito il parere del Delegato di Sezione e del Direttore dell'Associazione. La Confartigianato Novara V.C.O. suddivide le ditte in essa inquadrate in "sezioni" per categoria di artigianato.
Ciascuna ditta è assegnata alla "sezione" corrispondente all'attività esercitata. Sarà inoltre costituita una "sezione" di Ditte varie cui saranno assegnati i soci esercenti attività per le quali non sia possibile costituire apposita sezione. La divisione in sezioni e la assegnazione dei soci ad esse sono deliberate dalla Giunta Amministrativa dell'Associazione.

Articolo 9

Contro la negata ammissione è ammesso ricorso, entro 30 giorni dalla notifica, alla Giunta Sindacale, la quale decide inappellabilmente a maggioranza assoluta di voti, sentito il parere del Delegato della Sezione interessata e del Direttore dell'Associazione.

Articolo 10

La qualità di socio si perde:

  • per dimissioni, le quali però non esonerano il socio dagli impegni assunti nei modi e termini di cui al precedente articolo 7;
  • per cessazione dell'attività esercitata;
  • per espulsione motivata da inadempienze o indegnità;
  • per avere ottenuto l'iscrizione denunciando una attività non conforme a verità.

Con la perdita della qualità di socio viene meno anche la possibilità di far parte degli organi statutari.
Nei casi previsti dai commi b), c) e d), l'associato è però tenuto al versamento dei contributi associativi per l'anno in corso.
Spetta alla Giunta Amministrativa di deliberare la cancellazione nei casi previsti dai commi b), c) e d), salvo il ricorso dell'interessato alla Giunta Sindacale come previsto dall'articolo 9.
In caso di ricorso, la Giunta Sindacale decide inappellabilmente a maggioranza assoluta di voti, sentito il parere del Delegato della Sezione interessata e del Direttore dell'Associazione.

Articolo 11

L'esercizio dei diritti sociali spetta agli associati regolarmente iscritti ed al corrente col versamento dei contributi associativi.