Vai al contenuto principale
03 Agosto 2017

Unatras scrive al Ministro Delrio per le questioni rimaste aperte

 

Unatras scrive al Ministro Delrio per le questioni rimaste aperte

E’ del 2 agosto 2017 la lettera che Unatras (sigla unitaria che raggruppa al suo interno la maggioranza delle Associazioni di categoria dell’autotrasporto italiano tra cui rientra anche Confartigianato Trasporti) ha inviato al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Dr. Graziano Delrio, per chiedere la convocazione di un incontro formale nel quale discutere delle questioni ancora aperte oggetto della vertenza autotrasporto.

Nella missiva indirizzata a Delrio, pur ricordando la bontà di alcuni importanti emendamenti a favore degli autotrasportatori, inseriti e approvati con la cosiddetta “Manovrina fiscale”, Unatras rimarca l’esclusione di alcuni “imprescindibili provvedimenti richiesti e ritenuti necessari per la competitività delle imprese e la leale concorrenza nel settore […]”.

Molti sono i temi sollevati da Unatras tra cui due sono ritenuti fondamentali: la mancata approvazione di norme riguardanti la previsione di un’esplicita sanzione per la violazione del divieto di effettuare il riposo regolare in cabina e l’estensione della disciplina normativa sul distacco transnazionale, oltre che alle operazioni di cabotaggio, anche nelle ipotesi di trasporto internazionale. In aggiunta a questi, mancano ancora provvedimenti attuativi rispetto alla decontribuzione per l’anno 2016 “in regime de minimis” degli autisti impegnati in trasporti internazionali per almeno 100 giorni oltre che agli incentivi all’intermodalità Marebonus e Ferrobonus.

Unatras rimarca, inoltre, come sia ad oggi rimasto irrisolto l’annoso problema delle inefficienze degli uffici delle motorizzazioni civili così come rimangono tuttora aperte le questioni relative ai tempi di pagamento e all’individuazione pubblica di un costo/valore di riferimento per i servizi di trasporto.

Infine ultimo, ma non per importanza, risulta essere il riparto delle risorse economiche strutturali stanziati per l’annualità 2018, in particolare per la voce relativa alle deduzioni forfettarie per le spese non documentate.

Unatras pur esprimendo preoccupazione, con la richiesta di un confronto con il Ministro Delrio, si augura di trovare soluzioni adeguate ai tanti problemi sollevati facendosi propositiva portando idee precise di regolamentazione per i diversi argomenti.